Intensificati i controlli sulla vendita online di medicinali veterinari

Il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute – NAS,  nell’ambito di un piano nazionale di controllo sull’e-commerce disposto per verificare la regolarità della vendita on-line di prodotti di varie tipologie merceologiche, ha intensificato i controlli anche sui medicinali veterinari.

Grazie anche alla costante collaborazione attiva da parte delle associazioni come l’Ascofarve, che ha raccolto diverse segnalazioni e provveduto a comunicarle alle autorità preposte, i NAS stanno verificando la correttezza dell’attività di vendita a distanza di oltre 100 siti web, dediti al commercio di prodotti farmaceutici, umani e veterinari, rilevando numerose violazioni della normativa che regola lo specifico settore.

Si ricorda infatti che, per i medicinali veterinari, la vendita online è consentita esclusivamente per i medicinali veterinari senza obbligo di prescrizione ricompresi nell’art. 90 del D.Lvo 193/06, e cioè “medicinali veterinari ad azione antiparassitaria e disinfestante per uso esterno, nonché dei medicinali veterinari destinati ad essere utilizzati esclusivamente per i pesci di acquario, gli uccelli da gabbia e da voliera, i piccioni viaggiatori, gli animali da terrario, i furetti, i conigli da compagnia ed i piccoli roditori” ed è invece espressamente vietata per tutti gli altri (vedi tabella Pubblicità e vendita online Ascofarve)

I controlli dei Carabinieri hanno riscontrato pubblicità e vendita non consentita di farmaci umani e veterinari da parte di numerose farmacie, parafarmacie e grossisti presenti sul territorio nazionale, elevando sanzioni amministrative per oltre 200 mila euro e segnalando i trasgressori ai propri Ordini di appartenenza.

 

Ultime News