Sistema TS e obbligo pagamento con sistemi tracciabili

Dall’anno di imposta 2020, i dati delle spese veterinarie forniti ai fini della dichiarazione precompilata sono esclusivamente quelli relativi alle spese effettuate con i metodi di pagamento tracciabili.
Dal 1° gennaio 2020, la detrazione IRPEF del 19 per cento “è fruibile dal contribuente se il pagamento è avvenuto con mezzi tracciati e comunque non tramite contanti”. Lo ribadisce l’Agenzia delle Entrate in risposta ad un interpello. Possono derogare alla tracciabilità obbligatoria solamente le spese sostenute per l’acquisto di medicinali e di prestazioni erogate dal SSN/ strutture accreditate SSN.

L’Agenzia ricorda che – con il D.M. n. 270 del 19/10/2020-  è stato disposto che nella comunicazione debbano essere indicati anche le modalità di pagamento. I pagamenti che si considerano tracciati e che quindi danno diritto alla detraibilità sono quelli previsti dall’articolo 23 del decreto legislativo n. 241/1997, ossia:
– pagamento bancario (assegni bancari e circolari)
– pagamento postale
– carte di debito
– carte di credito
– carte prepagate

Sono queste le modalità di pagamento valorizzabili nella trasmissione delle spese veterinarie al Sistema TS per le spese sostenute a partire dal 1° gennaio 2020,  in relazione ai documenti fiscali della spesa.
L’informazione sulla modalità di pagamento è “obbligatoria” per tutti i documenti fiscali relativi alle spese veterinarie le quali non rientrano nelle casistiche di esclusione.

(fonte ANMVIOGGI)

Ultime News